Progetto Marmolada

Arriviamo subito al dunque. Ecco la proposta del 2007, pecche maggiori: niente ghiacciaio (…), più di un passaggio doppio per lo stesso percorso (sia tratto iniziale fino al Rifugio Falier al 1° e all’ultimo giorno, sia al 2° giorno ascensione e discesa di Punta Penia per lo stesso tragitto – la ferrata della Spalla Ovest – oltretutto con un fastidioso saliscendi…

 

Proposta con ghiacciaio: 1° giorno identico: partenza da Malga Ciapela, pernottamento al Bivacco Dal Bianco (eventuale puntatina sulle Cime di Ombretta).

2° giorno: conquista di Punta Penia attraverso la ferrata, discesa per il ghiacciaio (piccolo neo: bisogna noleggiare ramponi e picozza 2 giorni prima e restituirli al 4° giorno… da notare però che sono consigliati comunque per la ferrata Spalla Ovest, spesso ghiacciata) fino a Pian dei Fiacconi e oltre fino al lago Fedaia, da qui attraversamento della strada (ruba un po’ di poesia…) puntando su sul versante opposto fino a Porta Vescovo, per concludere con la panoramica ferrata delle Trincee fino a raggiungere il Bivacco Bontadini. (in tutto circa 10h con un dislivello in salita di 700m punta penia + 700m sas de mezdì/mesola).

3° giorno: discesa da passo Padon fino al passo Fedaia, attraversamento della strada (che ruba un altro po’ di poesia…), quindi Ferrata Via Eterna (faticosa, esposta e disagevole! detto per allettare…) fino a Punta Serauta, se si è distrutti ritorno con funivia direttamente a Malga Ciapela, se si vuole essere Cavre fino in fondo completamente a piedi (con un tratto su strada però, che – indovinate? – si, ruba un po’ di poesia).

I contro li ho espressi durante l’esposizione, i pro – oltre il mio fottuto ghiacciaio – è il giro completo della Marmolada con viste pazzesche del tetto delle Dolomiti: l’impressionante parete sud, la vetta ( e ok, fin qua idem come prima proposta), la vista frontale da nord, la vista da est dalla Via Eterna… ah si e poi il ghiacciaio, l’avevo detto? Giro tosto, urge allenarsi: 1200m dls+ il primo giorno (con +300m senza zaino per Cima Ombretta), 1400m dls+ e altrettanti di in discesa il 2° e 900m dls+ il 3° e 500 in discesa (+ altri 1500 in discesa a scelta)…

Matajur

Dato che è stata sollevata la questione dell’utilità di siffatto blog, testiamone subito la funzionalità…

Vero proponeva almeno un’ultima uscita invernale sul Nanos. Rilancio, perchè non scegliere un posto nuovo? Per esempio, Matajur? Da farsi appena un consistente numero di cavre si libera dai casini di febbraio… senza poi contare che può ancora essere rimessa in ballo la “caserata” abortita!

Ecco alcuni immagini dalla vetta designata:

con la neve...

con la neve...

senza neve...

senza neve...

P.S. dato che qualche inguaribile “dummy” mi chiedeva come inserire articoli ecco una piccola spiegazione… basta cliccare su scrivi (in alto a sinistra) – una volta effettuato l’accesso al proprio account – e poi scrivere quello che si vuole come una normale mail: titolo, testo e per aggiungere immagini cercare “aggiungi media” e cliccare sulla prima icona dopo tale dicitura… inserire l’indirizzo dell’immagine in “sorgente” (solo dell’immagine, non della pagina… basta cliccare sull’immagine designata in qualsivoglia sito o album online con il tasto destro del mouse, cercare “proprietà” nel menù a tendina e quindi l’url dell’immagine). Alla fine di tutto cliccare “pubblica” nella colonna a destra del testo che si ha appena scritto… penso che più elementare di così…