REPORT Cavrada n° 40: “invernale” in Val Feròn

Casera Feròn

5 dicembre 2010

FEATURING SANDRIN, CHUBE, ERIKA & LORENZO

SOPRALLUOGO PRO CAPODANNO

Cliccare sulla mappa due volte per ingrandire

Ecco, con un po’ di ritardo, il report del primo sopralluogo per Capodanno a Casera Feròn nell’omonima valle (sarebbe bello inserire anche quelli successivi a Casera Podestine, Casera Presoldon e Casera Nauleni). Trattavasi di semplice livello Chubino, 488m di dislivello per 8,2 km di distanza tra andata e ritorno, per metà su carrareccia e per l’altra su sentiero facile… ma gli oltre 80cm di neve hanno reso più ardua l’impresa elevandola al rango di “Cavrada” ufficiale ma anche escludendone – a parità di condizioni climatiche – una ripetizione in regime di sovraccarico capodannesco… c’è da dire però che il livello della neve è sceso notevolmente nel frattempo (in zona, mentre questo articolo viene scritto, inizia appena a 800m di quota… raggiungendo i 50cm solo a 1800m, da tenere d’occhio bollettino nivo-meteo e webcam a Claut).

Partenza (a “canguretto” causa fotomania compulsiva) dal ponte sul torrente Ferron (m 504), sulla S.S. 251 tra Cellino di sopra ed il bivio per Clàut, alle ore 10.15 circa (vari discorsi sull’emancipazione femminile e corsi di “perfezionamento” ci distraevano più volte dall’individuare il punto esatto…). Come previsto il percorso iniziava in assoluta tranquillità su facile sterrato (le uniche subdole preoccupazioni erano quelle rivolte a qualche stalattite di ghiaccio dai più pavidi… mentre altri si ipnotizzavano nel fotografarne le conformazioni).

Una parte della banda si attardava in scatti melensi mentre la valle andava via via aprendosi, sovvraccarica di neve, al proseguire del cammino sotto l’imperturbabile sguardo dei contrafforti della Pala Giuliana. Dopo un po’ si presentava un guado (ovviamente occasione per perdere tempo con foto in pose varie) non in grado di impensierire i Nostri (impensieriti invece dagli odori dei caprioli…), così come la strada seguitava ad essere bella ampia e dalla moderata pendenza.

Dopo un secondo e ancor più semplice attraversamento del ruscello la strada diventava però un sentiero viepiù erto, suscitando l’insofferenza di parte della spedizione, causa anche i continui sprofondamenti… Diversi passaggi angusti sul greto del torrente iniziavano a compromettere la soluzione di un trasporto via slitta (bob in realtà..) delle vettovaglie (che in verità sta andando per l’esclusione definitiva alla luce dei successivi sopralluoghi…).

Dopo una salita faticosetta (con la neve) Le Cavre approdavano nella faggeta che copre Sella Feròn (993m), mentre il livello della neve continuava a salire, ispirando i gitanti a dare del loro meglio… Ma così come il cielo si apriva sulle nostre teste, anche il bosco andava diradandosi scoprendo alla vista il Monte Frugna e, in lontananza, il maestoso Col Nudo. Dopo un po’ si apriva una radura in mezzo alla quale compariva l’agognata Casera (dopo due ore di marcia “con la fiacca”) inatteso ricettacolo di unni metallari

Dopo un po’ di meritato riposo e varie attività più o meno ludiche come il lancio dello zaino, misteriosi balletti, foto estenuanti di gruppo, ed un simpatico e articolato corso di stupro – in coppia e di gruppo – che tuttavia suscitava l’allegria della vittima… salvo poi scoprire il nuovo elemento della tavola periodica conosciuto come Veodio… Dopo tali amene attività insomma, ci si accingeva a visitare l’interno della casera, che constava pure di un secondo vano con ulteriore sparghert e quattro brandine. Il piano superiore disponeva di alcuni materassi di gommapiuma ma si rivelava infestato di loschi figuri mascherati

Si provava ad accendere un fuocherello per testare il camino, scoprendo tragicamente che non tirava causa tappo di neve, ma almeno scaldava, anche le superfici più dispersive… dopo aver dato il nostro meglio, come al solito, apponevamo il nostro marchio sul registro della casera con un pezzo di carbone

Era tempo di andare e la fin troppo allegra accolita si metteva in marcia, chi aveva le ciaspole le usava, mentre altri preferivano la tecnica del ruzzolo libero, o quella del paiazzo indomito. E così, tra sguardi d’odio all’ennesima fotografia, corsette per il sentiero, foto foto e ancora foto si raggiungeva al fine la macchina.

Annunci

3 Responses to REPORT Cavrada n° 40: “invernale” in Val Feròn

  1. Erikina says:

    Ahahahaha!!!Grande Lorenzo! bellissimo report! 😀 prossima volta prometto farò meno foto….e saremo tutti più seri! 😉

  2. bubez says:

    Bel resoconto!!..insomma senza le migliaia de pause foto se podeva rivar su in una mezz’oretta?! 😉

  3. SANDRIN says:

    bellissimi i passaggi “unni metallari” e “corso di stupro”!!….ahahahahah 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: