Tris delle Tofane

——- Man mano che ci avviciniamo al momento fatidico della “Big Cavrada” dell’anno le date s’incasinano viepiù… e per incasinare ancor di più la situazione aggiungo l’ultima idea concepita ancora a giugno…

La Tofana di Rozes, top10 fra le Dolomiti sia per altezza che per imponenza della parete Sud, immancabile punto di riferimento nei panorami in cresta (se tutto è incerto per via dell’angolazione della visuale, la Tofana è sempre inconfondibile con la sua cupola quasi sempre “sbiancata”), fu il primo “3000” insaccato dalle Cavre sei anni fa (e la terza vetta conquistata, dopo Monte Sernio e Montasio)… all’epoca l’itinerario fu un complesso ma efficace “ghirigoro” studiato per evitare ogni possibile ferrata, persino quella brevissima della Scala del Menighel… l’assenza di attrezzatura e un ingenuo timore reverenziale ci allontanavano da questi artefatti pur sempre turistici: vera e propria “preistoria” delle Cavre! Già l’anno dopo incominciò “l’età del ferro” (su Pale e Canin) che si consolidò nel 2006 col tris di ferrate sul Civetta. Oggi, in piena Era “Normale” ci riproproniamo di tornare in loco sviscerando però ogni ferrata possibile in zona!

L’itinerario ideale che abbracerebbe tutte e tre le Tofane si articolerebbe in due notti:

1° giorno: Partenza dal Rif. Dibona (2083m – raggiungibile in auto pagando però una salata gabella: 10 euri!), poi – districandosi per la selva di sentieri ai piedi della Tofana (in sequenza: 403 – 442 – 404… 06 per chi chiama da fuori Roma) – si raggiunge il Castelletto imboccando l’omonima galleria, inizio della Ferrata Lipella che si percorre fino alla vetta. Si scende per “la normale” (quella fatta 6 anni fa) fino al Rif. Giussani dove si pernotterà (proprio come 6 anni fa!). Ufficialmente 1150m di dislivello, ma bisogna considerare che la prima parte della ferrata Lipella fino alle Tre Dita è un continuo saliscendi! Tempo stimato: circa 6 ore e 1/2.

2° giorno: Si discende il sentiero n. 403, imboccando nel tornante successivo all’ex- Rifugio Cantore la strada di accesso a Punta Anna. Da qui si inforcherà l’aereo sentiero attrezzato Olivieri fino al Bus della Tofana (che non è un bus navetta! bon ok, non fa rider…) e da questo la ferrata Tofana di Mezzo fino alla cima omomina – 3244m (vetta n. 3 delle Dolomiti dopo Marmolada e Antelao, ma purtroppo devastata da una funivia e da un… Ristorante in cima!) . Infine si percorre la facile Ferrata del Formenton fino alla 3° Tofana (di Dentro – 3238m, quasi un’anticima di quella di Mezzo) scendendo poi alla Baracca degli Alpini (2922m) dove si passerà l’ultima notte. Circa 900m di dislivello, anche qui però il percorso è soggetto a saliscendi in cresta solo in parte calcolato… Tempo stimato: 6 ore.

3° giorno: “Passeggiata” conclusiva senza grandi dislivelli ma costantemente esposti su panorami enormi. Si scende infatti fino a a raggiungere il sentiero n. 407 che si percorre fino all’inizio del Vallon di Ra Ola dove s’imbocca la lunga Cengia Paolina che percorre un grande cornicione costantemente affacciato sulla profonda Val Travenanzes fino a raggiungere di nuovo il Rif. Giussani / Forcella Fontananegra, dal quale si ridiscenderà comodamente al Dibona disegnando così una specie di “Otto” oblungo sulla cartina. Difficile calcolare sulla carta il dislivello che ufficialmente è di 500m ma che il notevole saliscendi di “cengia” amplia considerevolmente. Anche qui circa 7 ore di marcia previste… ma estremamente suggestive!

Complessivamente il livello rientra nel Superchube, diciamo un Superchube dal volto umano…. (che bella metafora…), in quanto i dislivelli sono si importanti, ma abbordabili… oltretutto diminuiscono di giorno in giorno all’aumentare della stanchezza accumulata. Le ferrate sono molto esposte (specie nel 2° giorno) ma assicurate a dovere si da renderle tecnicamente di media difficoltà…

L’itinerario si può spezzare anche in due tronconi di un giorno l’uno: Ferrata Lipella andata e ritorno dal Dibona ( 7.30 – 8 h circa) e ferrata Punta Anna/Ferrata Olivieri/Formenton dal Rifugio Pomedes (raggiungibile con funivia dal Ristorante Pietofana).

WEBCAMMETEO

P.S. Non sarebbe male se nei commenti si inserisse le giornate “disponibili” di ognuno anche solo per la Marmolada (per me ok tutte tranne i lunedì 9 e 16 ed il 17 agosto).

Annunci

2 Responses to Tris delle Tofane

  1. lorenzo says:

    Ehm, sulla mappa xe comparsa un’inquietante riga nera che dal Bus della Tofana scendi sparada fin su “Ra Zestes” e poi zo in direzion Cortina… non xe una via de fuga ecco (a meno che non se fazi parapendio…) ma un misterioso bug del programma Gimp…

  2. Diego says:

    Ciao,per mi va ben da doman 8 a mercoledì 11(poi me son messo a lavorar) e poi da domenica 15 fin circa giovedì 26(circa,forsi prorogabile de qualche giorno).
    Per mi sto percorso xe da sogno e non vedo l’ora de partir, partiria za domani sia per le tofane che per la marmolada.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: