REPORT Cavrada n.29: Tolminski Kuk, il primo tentativo

Tolminski Kuk 17 maggio 2009

FEATURING VERONIKA & LORENZO

GITA DEL QUINQUENNALE DELLE CAVRE!

16 MAGGIO 2004 – 17 MAGGIO 2009
CURIOSITÀ: Il complesso del Tolminski Kuk (per la precisione la sua propaggine chiamata Vrh nad Skrbino
) é , per poco, il 2000 più a Sud delle Alpi Giulie, nonchè la parte più meridionale del Triglavski Narodni Park. (su… rieducational channel!)

Partenza (ore 10.45) da Planina Kuk (quota 1150), con molta tranquillità, dopo aver temporeggiato nel lussureggiante Cepovanski Dol/Vallone di Chiapovano (a noi noto per ragioni non “cavresche”) e dopo aver percorso un’interminabile e paurosa stradina bianca – imboccata a Ljubinj verso Planina Stador – che ci ha via via allontanato dalla civiltà, conducendoci per remote lande verdi punteggiate di tanto in tanto solo da disabitati stavoli (Planina Lom)…

Da principio la nostra meta appare seminascosta e quasi completamente imbiancata (FOTO: da sx verso destra: Il Tolminski Migovec che nasconde parzialmente la vetta del Kuk, le sue cime secondarie, il Vrh Nad Skrbino, Rusnati Vrh fino al Vogel), mostrandosi solo più avanti laddove il sentiero ha modo di occhieggiare fra le fronde del bosco nel quale avanza dolcemente, fra fitte faggete (dove, nel mentre, qualcuno esibisce segni di lotta con cani…) e sporadiche finestre sul Monte Nero/Krn e sulla lontana conca di Tolmino.

Dopo un’ora di marcia giungiamo a Planina Razor (quota 1300) sotto il Vogel, inutile dire che neanche qui troviamo raffinerie o discariche (ancorchè sul versante opposto sorgano brutti ed inutili impianti sciistici, argh!) ma una plaga sottratta al tempo che guarda alla Valle dell’Isonzo senza invidia alcuna…

Nonostante alcuni enigmatici tentativi di autostop proseguiamo; da questo punto il sentiero inizia a farsi più deciso, guadagnando quota fra i mughi sotto il Vrh Nad Skrbino arrivando ben presto alla base della sua parete inclinata. Dopo alcuni saliscendi, mentre le chiazze di neve si fanno vie più consistenti arriviamo nell’anfiteatro terminale, il sentiero che conduce alla forcella – Skrbina – è completamente nascosto dalla neve oltretutto non battuta… Ahinoi, si rinuncia!

Non ci resta che pasteggiare (con nuove leccornie!) dopo neanche 3 ore di cammino… rimirando, 1000m sotto di noi, l’abitato più vicino (Tolminske Ravne). Ritorniamo indietro per il facile sentiero (ehm… 7° grado?), desiderosi di fare sport presso l’incantevole Planina Stador: attività faticose tipo “snocciolamento di noci marce“, godimento del panorama e brindisi ai cinque anni (e un giorno) delle Cavre, anche se i due pionieri di quella storica data sono assenti…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: